SUPERIORE

Ciò che più amo dello scambio casa

Ciò che più amo dello scambio casa

Lo scambio casa ormai fa parte del mio modo di viaggiare e se non riesco a concluderne almeno uno durante l’anno mi manca tantissimo. Nell’ultimo periodo, per ovvie ragioni ahimè, le occasioni si sono diradate, tant’è che quest’anno anno ne abbiamo fatto solo uno in Bretagna, ma non vediamo l’ora di riprogrammarne altri; il fatto è che se si inizia non si riesce più a smettere!

Ma quali sono allora le principali ragioni per cui vale la pena conoscere questo mondo e iniziare a viaggiare con l’homeswapping? Oggi vi svelo le prime tre delle dieci cose che più amo di questo modo di viaggiare:

  1. Libertà e indipendenza: Se siete persone autonome e indipendenti e anche bravi a smanettare su internet alla ricerca di voli, treni o navi e amate studiare da voi gli itinerari che più sognate, con l’homeswapping non siete costretti a rivolgervi ad un tour operator per pianificare il vostro viaggio o farvi consigliare i luoghi da non perdere; vi basta decidere il mezzo di trasporto più idoneo a raggiungere la vostra prossima mèta e affidarvi alle guide più adatte e ben informate che esistano: i local, i proprietari cioè di quella che sarà casa vostra per tutto il periodo del soggiorno nella località che avete scelto.

Sì, perché chi meglio di un autoctono può consigliare tutto quello che di interessante e imperdibile c’è da vedere, magari anche non segnalato dalle guide ufficiali perchè fuori dai grandi circuiti turistici? il localino non blasonato dove si mangia strepitosamente bene, il trek poco conosciuto per raggiungere un punto panoramico, le rovine meno famose di altre ma altrettanto sorprendenti e così via….Ciò non toglie che  vi possiate affidare  alle guide turistiche per una visita più approfondita di qualche luogo, ma vi assicuro che in tutti questi anni ho fruito di molti suggerimenti elargiti dai miei host, spesso stupendomi della bellezza o dell’interesse di un certo luogo, talvolta non trovandolo neppure menzionato dalle guide!

  1. Contatto diretto senza intermediari: Una delle cose che amo di più è mettermi al pc, andare sui portali a cui sono iscritta, inserire la destinazione desiderata ed “entrare” direttamente nelle case delle persone! Ah come si sta bene in-ste -case altrui!! E’ come suonare il campanello e farsi aprire la porta di ingresso, facendosi un lungo e accurato tour nei vari ambienti della casa selezionata e soffermandosi in quello che più cattura la vostra attenzione o dal quale si traggono le informazioni più utili: il numero di posti letto e dei bagni, la presenza di terrazze o di un giardino, dell’angolo bbq (cosa fondamentale per ogni vacanza estiva che si rispetti), di cani o gatti…o cavalli ( a noi è successo nella Loira), di oche….Il passo successivo è contattare direttamente i proprietari e iniziare così la “contrattazione” del periodo e la modalità di scambio (se simultaneo o no, oppure se in modalità scambia punti).
  2. Scambio epistolare con gli host: Raramente mi è capitato di essere contattata da un homeswapper – o averlo contattato io – e non aver instaurato fin da subito un rapporto di familiarità e implicita complicità. Avete presente quando tra bikers ci si saluta senza conoscersi, solo perchè appartenenti alla stessa nicchia di amatori? tra homeswappers è lo stesso; è come se si facesse a meno dei convenevoli e si passasse direttamente al “dunque”. Poco importa l’età, l’estrazione sociale o ciò che ci identifica socialmente, da subito si è democraticamente alla pari in un clima rilassatamente vacanziero e confidenziale!

Alla prossima, quando vi svelerò gli altri 7 motivi che rendono l’homeswapping un modo fighissimo di fare vacanza.

E se non l’avete ancora fatto andate sulla mia pagina Instragram @home.swap.home, nella Bio troverete il link per acquistare il mio libro COME TI SCAMBIO LA CASA, dove racconto i nostri primi 20 scambi casa in giro per il mondo con avventure, aneddoti, consigli ecc.

Chiara Peracchio è un’insegnante di Francese presso una scuola media in un paese della collina di Torino. Amante da sempre dei viaggi e delle lingue straniere, ogni volta che ne ha la possibilità fa le valigie e parte col marito e i tre figli – anche se grandi si accodano sempre volentieri - per qualche nuova destinazione! Ma non come fanno tutti, bensì in modalità “scambio casa” o “homeswapping”, un modo low cost di fare vacanza che ormai pratica da quando lo ha scoperto per puro caso una quindicina di anni fa. Da allora, ne è talmente entusiasta che non riesce più a smettere, tanto più che a ogni scambio ha la possibilità di vivere in case bellissime, appagando anche il suo lato “décor-addicted”! In questa rubrica ce ne darà qualche assaggio, con utili tips di viaggio, dettagliate descrizioni di interni caldi e accoglienti, terrazze soleggiate o caminetti scoppiettanti. Seguitela, e ne vedrete delle belle!

Posta un commento