SUPERIORE

in sta casa di montagna

in sta casa di montagna

E’ sempre cosi, di ricordi dell’infanzia sono impregnati i nostri cuori ed eccoci a Bardonecchia,  un classico villino di montagna anni ’50, caratterizzato dalle linee tipiche degli edifici costruiti durante l’espansione turistica di quegli anni, che è stato rimodellato volumetricamente per dargli proporzioni più armoniche, distributivamente per adattare gli spazi alle attuali esigenze di vita ed a livello impiantistico per renderlo energeticamente funzionale e per minimizzare l’impatto ambientale.

Il piano terreno è completamente dedicato alla zona giorno. Un ampio spazio conviviale, caratterizzato da doppia altezza, spazi su più livelli e collegato ampiamente con il giardino, sembra essere il luogo ideale per riunire gli amici davanti al camino acceso nelle sere invernali, e far scorrazzare i bambini nelle lunghe giornate estive. Nella parte più intima della casa sono stati inseriti poi il caldo salotto invernale e la cucina.

Salendo al livello superiore lo spazio si fa più riservato, le camere hanno proporzioni più ridotte e sono dedicate esclusivamente alla famiglia; questa contrapposizione tra le diverse funzioni sui piani si rispecchia anche in facciata: le bucature delle finestre del piano inferiore sono ampie ed aperte verso il giardino, mentre quelle al primo piano, che ritagliano suggestivi scorci sulla pineta circostante, sono più piccole e la facciata del primo piano è rivestita con legno di recupero.

L’elemento chiave del progetto è sicuramente la scala interna che collega i due piani: una lastra di ferro traforata con un disegno che richiama la natura lascia filtrare in maniera suggestiva la luce dall’alto verso la zona giorno, e collega armoniosamente l’interno con il giardino.

Lo spirito resta quello degli anni Cinquanta anche nelle scelte fatte con l’arredamento: i mobili hanno linee morbide, pulite e contemporanee e le tinte dei tessuti sono pastello e delicate.  I materiali utilizzati internamente dichiarano una connessione con l’ambiente nel quale l’edificio è inserito, attraverso l’uso di materie prime locali come il legno, la pietra naturale ed il ferro.

Photo Credits: Barbara Corsico

Qualche immagine di repertorio per vedere da dove siamo partiti:

..e un pò di brand:

wallpaper & paint:

https://www.farrow-ball.com/

Luci:

https://www.foscarini.com/it/

https://www.lumina.it/it/

https://www.creative-cables.it/

Cucina su misura:

https://www.ilquadrangolo.it/

Rubinetteria e sanitari:

https://www.beamtech.it/

https://ceadesign.it/it/home.html

https://www.disegnoceramica.com/

Pavimenti dei bagni:

https://www.marcacorona.it/it/

Termosifoni serie vintage:

https://vasco.eu/it-it

Impresa:

https://www.siriocostruzioni.com/it/chi-siamo/

 

Base Architettura nasce nel 2003 lavorando sin dal principio su progetti in italia ed all’estero. L’esperienza maturata nel settore delle costruzioni in genere e della progettazione di interni per abitazioni, ristoranti, uffici, negozi e stand ha consentito allo studio di approfondire le tematiche relative alla qualità degli spazi e di acquisire nel corso degli anni maggiore competenza lavorando sempre con la stessa passione e curiosità. Dal 2018 lo studio è composto da quattro soci, Alessandro Bruno, Eleonora Cordero, Enrico Scafidi e Luca Trabucco.

Commenti (4)

  • Avatar

    Simone

    La poesia infinita della semplicità ?

    rispondere
  • Avatar

    Katia

    Complimenti molto elegante

    rispondere
  • Avatar

    Isabella

    Stupendo il vostro lavoro!!! Avete reso quella villa in abbandono da Cenerentola a Principessa.Complimenti.

    rispondere
  • Avatar

    Pretty! This was a really wonderful article. Thank you for providing this info. Malinda Toddy Shult

    rispondere

Posta un commento